Informazioni utili da sapere

  • COSA FARE IN CASO DI DECESSO

In caso di decesso chiamate subito il nostro numero 349/5318461 OPPURE  345/0812152 attivi 24h su 24h per 365 giorni l'anno; i  nostri responsabili vi raggiungeranno in poco tempo e vi aiuteranno a risolvere qualsiasi problema.  Saremo al vostro fianco per aiutarvi con discrezione a compiere in un momento di dolore e confusione le scelte più appropriate per voi e per la persona che è venuta a mancare.

 

  • CERTIFICATO DI CONSTATAZIONE DEL DECESSO

Il certificato di morte viene richiesto a qualsiasi medico che abbia prestato assistenza al morente o che sia intervenuto a decesso appena verificato. Nel certificato di decesso sono attestate quali siano le cause immediate, laddove esse siano riconoscibili, del loro verificarsi, e delle eventuali terapie praticate.

 

  • SCOPO DELL’ACCERTAMENTO

Per accertare la morte il medico deve attenersi alle regole tecniche della semeiotica tanatologica e deve tenere presenti le disposizioni di legge in materia di decessi per la compilazione del certificato di morte. Compete al medico curante quando il decesso della persona assistita è avvenuto nel proprio domicilio per rendere edotti della morte i familiari e per autorizzare il trasporto della salma. Se il decesso è avvenuto in Ospedale, alla denuncia di morte e alla compilazione del certificato di morte provvede l’Amministrazione Ospedaliera.

 

  • DENUNCIA DI MORTE 

La morte di ciascun cittadino va comunicata al Comune di residenza (denuncia di morte), per apportare le conseguenti variazioni anagrafiche e statistiche e affinché possano essere rilasciati i relativi certificati. La denuncia di morte deve essere fatta da un familiare o da una persona incaricata, entro 24 ore, all’Ufficio di Stato Civile al fine di ottenere il rilascio del permesso di seppellimento della salma. IL SEPPELLIMENTO PUÒ AVVENIRE TRASCORSE 24 ORE DAL DECESSO, salva diversa disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Morte avvenuta in casa:

Immediatamente dopo il decesso i congiunti devono:

- avvisare il medico curante che dovrà compilare il certificato di constatazione del decesso;

- avvisare l’Ufficio "Igiene pubblica e del territorio" del Comune dove avviene il decesso che provvederà ad inviare il medico necroscopo. Il medico dovrà accertare il decesso non prima di 15 ore e non dopo 30 ore dalla morte;

- denunciare la morte presso l’Ufficio di Stato civile del Comune dove è avvenuto il decesso.

Morte avvenuta in ospedale o casa di cura:

Dopo il necessario periodo di osservazione della salma:

- ritirare presso la Direzione Sanitaria il certificato necroscopico;

- consegnare la documentazione all’Ufficio di Stato civile del Comune dove è avvenuto i decesso per la redazione dell’atto di morte al fine di ottenere il rilascio del permesso di seppellimento della salma.

 

La composizione e la vestizione delle salme è un’operazione particolarmente delicata, che spesso i familiari non si sentono di effettuare, attraverso la quale i nostri addetti si occupano del corpo del defunto per restituirlo allo sguardo di parenti e amici in tutta la sua dignità.

La fase di vestizione e composizione salme richiede particolare delicatezza e sensibilità, per operare sempre nel rispetto del defunto, e prevede diversi passaggi, a partire dalla pulizia del corpo, alla scelta, insieme ai familiari, dell’abito, e alla successiva vestizione della salma.

Anche la posa del volto e della mani saranno curate, nonché un minino di trucco in caso di salme che presentino delle tumefazioni dovute ad incidenti oppure dei corpi che mostrano degli incarnati anomali in seguito a lunghe malattie. I nostri addetti sono preparati per eventuali interventi di cosmesi e cura estetica generale.

La vestizione della salma, la sua composizione nel feretro e successiva collocazione nella camera ardente sono solo alcuni dei servizi offerti.

 

  • CREMAZIONE

Chi desidera essere cremato può far rispettare questa sua volontà scrivendola in una disposizione testamentaria o aderendo alle Associazioni apposite. In assenza di una volontà scritta anche il coniuge o, in mancanza, la maggioranza assoluta dei parenti più prossimi, fino al sesto grado, può decidere per la cremazione ai fini della tumulazione, dell’affidamento o della dispersione delle ceneri.

Dopo la cremazione, le ceneri sono raccolte all’interno dell’urna cineraria. Il coniuge o i parenti della persona defunta potranno decidere la loro destinazione.

 

  • TUMULAZIONE

La tumulazione può avvenire in un loculo cinerario di nuova concessione o in un manufatto cimiteriale, tomba o loculo, già in concessione.

 

  • AFFIDAMENTO

L’urna cineraria può essere affidata per la conservazione al coniuge o a un parente, nel proprio domicilio, a condizione che rimanga chiusa e che qualsiasi spostamento venga comunicato con anticipo.

 

  • DISPERSIONE

Le ceneri possono essere disperse in natura, in mare, all’aperto oppure presso un’area attrezzata dell’Amministrazione Comunale.

 

                

 

 

                      Cose da NON fare                   

  • Seguire i consigli "disinteressati" di un infermiere o di una badante troppo intraprendente.

  • Affidarsi alla prima Impresa Funebre senza essere stata chiamata ,che vi contatta dopo un decesso in Ospedale, Casa di Cura o in Abitazione.

  • Richiedere o sollecitare, con mance o con altri sistemi, favori da parte di pubblici funzionari.

  •  

  •  

  •  

  •                                                         NOTIZIE UTILI 

  •  

  •  Cosa bisogna fare con i documenti del defunto?

  • Onde evitare spiacevoli incidenti e che qualcuno si appropri indebitamente dei documenti personali del defunto, è importante che l’erede si ricordi di:

  • - riconsegnare in Comune la carta d'identità

  • - riconsegnare alla Questura il passaporto ed il porto d'armi

  • - riconsegnare alla Motorizzazione Civile la patente

  • - la tessera sanitaria, invece, può essere conservata.

  •  

  • Cosa bisogna fare per sospendere la pensione?

  • INPS

  • L’iter per la cessazione della pensione o per la pensione ai superstiti avviene previa comunicazione del decesso presso la filiale INPS di competenza. La pensione ai superstiti può essere sostanzialmente di due tipi:

  • ◾ Di reversibilità: se la persona venuta a mancare era già pensionata

  • ◾ Indiretta: ovvero se la persona prima del decesso aveva accumulato un minimo di 15 anni di contributi oppure era assicurato da almeno 5 anni di cui 3 versati nei cinque anni precedenti alla data del decesso.

  • Questo tipo di pensioni spettano a:

  • ◾ Al coniuge, anche in caso di separazione e divorzio, che non si sia risposato. Nello specifico, al coniuge separato con addebito di colpa se beneficiario di assegno di mantenimento, al coniuge divorziato se titolare di assegno divorzile

  • ◾ Ai figli che siano legittimi, legittimati, adottivi, naturali, riconosciuti legalmente o giudizialmente dichiarati, nati da precedenti matrimoni, e che alla data della morte del genitore siano a suo carico.

  • ◾ Ai nipoti che erano a carico del parente defunto (nonno o nonna).

  • In mancanza sia del coniuge, che dei figli e dei nipoti, ad averne diritto sono anche i genitori, qualora abbiano compiuto il 65° anno di età e non siano titolari di altre pensioni, e i fratelli celibi e le sorelle nubili.

  • La domanda è disponibile sul sito ufficiale dell’INPS (www.inps.it) oppure presso gli Uffici Inps di zona. Può essere sia presentata direttamente presso gli Uffici oppure spedita o ancora trasmessa tramite i Patronati gratuiti che si occupano di questo genere di pratiche.

  •  

  • Cosa bisogna fare se il defunto possedeva veicoli o ciclomotori?

  • Rivolgersi alla Motorizzazione Civile

  • Nel caso si debba richiedere la Cessazione della Circolazione di un veicolo a motore si deve presentare una dichiarazione sostitutiva di atto notorio ai sensi dell’art. 47 DPR 415/00 contenente sia la data di morte dell’intestatario del veicolo che l’attestazione della qualità di erede. Questa procedura è valida nel caso in cui l’erede si discendente, ascendente o coniuge. In caso di persone che non rientrano in queste categorie la procedura è leggermente diversa: alla dichiarazione che attesta la qualità di erede deve essere accompagnato un certificato di morte in carta semplice.

  • Cosa fare per disdire le utenze (ENEL-GAS-TELEFONO-ALTRO)?

  • La cessazione della fornitura deve essere comunicata a tutte le aziende fornitrici di servizi. La comunicazione deve inoltre essere fatta dagli eredi. Nel caso di subentro deve essere data notifica dell’inserimento del nuovo intestatario.

  •  

  • ABBONAMENTO RAI

  • L’abbonamento è personale e non può essere ceduto a terzi. Nel caso di morte del titolare però, l’erede può chiedere l’intestazione a proprio nome dell’abbonamento inviando una lettera a questo indirizzo, in modo da usufruire del periodo per il quale era già stato pagato il canone:

  • Agenzia delle Entrate – Ufficio Torino 1

  • S.A.T Sportello Abbonamenti TV

  • Casella Postale 22 – 10121 Torino

  • In attesa dell’aggiornamento della nuova intestazione il pagamento del canone deve essere fatto con un bollettino che rechi la vecchia intestazione oppure con il preavviso di rinnovo. Se invece l’erede è già abbonato deve richiedere l’annullamento dell’intestazione dandone comunicazione e indicando la data e il luogo di decesso del titolare dell’abbonamento.

  •  

  • Le spese per un servizio funebre sono fiscalmente deducibili?

  • Sì, la persona che provvede al pagamento del servizio funebre può detrarre tali spese fino ad un importo massimo di euro 1550,00 (19%).

  •  

  • La successione?

  • LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE

  • La dichiarazione di successione diventa obbligatoria nel caso in cui nei beni in eredità del defunto vi siano immobili o diritti reali sui medesimi. La dichiarazione deve essere redatta entro 12 mesi dalla data di apertura della successione che in genere si stabilisce con la data di morte del contribuente, tramite apposito modello (modello 4) reperibile in ogni Ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate oppure sul sito internet www.agenziaentrate.gov.it

  •  

  • È possibile anche riprodurre il modello in fotocopia o in formato elettronico purchè sia apposta sul modello presentato la firma in originale. Nel caso di utilizzo di un modello differente la dichiarazione sarà nulla.

 

 

Dove Siamo:

STEZZANO: Via Dante,14. (fronte Chiesa)

BOLTIERE: P.zza IV Novembre, 12.                       (fronte Chiesa)

LEVATE: Piazza Roma, 6. (fronte Municipio)

VERDELLO: Via Cavour 25. (fianco Municipio)

Zanica: Autorimessa

 

 

 

CHIAMA ORA:

349/5318461

345/0812152

347/6593573

 

  • facebook
  • w-googleplus
  • Google+ App Icon

Contatto:

antonio0112@tiscali.it